miércoles, julio 24

I social media sono il nuovo tabacco?

I social media sono il nuovo tabacco?

Proprio in: Il chirurgo generale statunitense, Vivek Murthy, ha chiesto un’etichetta di avvertimento per le piattaforme di social media in un Times Guest Essay, avvisando i genitori che la tecnologia potrebbe contribuire ad alimentare una crisi di salute mentale tra gli adolescenti.

È l’ultimo sforzo delle autorità di regolamentazione per imporre restrizioni sui social network – in particolare sui loro effetti su bambini e adolescenti – e ricorda il crescente controllo dei giganti della tecnologia globale.

Tale etichetta sarebbe simile a quelle apposte sulle sigarette e sui prodotti alcolici. Nel suo saggio ospite, Murthy scrive che la questione è diventata un’emergenza:

Perché non siamo riusciti a rispondere ai danni dei social media quando non sono meno urgenti o diffusi di quelli causati da automobili, aerei o cibo non sicuri? Questi danni non sono dovuti al fallimento della forza di volontà e della genitorialità; sono la conseguenza del rilascio di una tecnologia potente senza adeguate misure di sicurezza, trasparenza o responsabilità.

Negli ultimi anni è aumentato il controllo sugli effetti dei social media sugli adolescenti. Lo psicologo sociale Jonathan Haidt descrive l’uscita dell’iPhone nel 2007 come un punto di svolta, da allora in cui i comportamenti suicidari e le segnalazioni di disperazione tra gli adolescenti sono in forte aumento. (Altri esperti mettono in dubbio tale collegamento e sottolineano altri fattori come le difficoltà economiche.)

Le etichette di avvertimento sono riuscite a cambiare il comportamento del pubblico in passato, con il fumo negli Stati Uniti in netto calo nei cinque decenni da quando è stato richiesto per i prodotti a base di sigarette.

Murthy ha riconosciuto che il Congresso deve essere coinvolto. Un’etichetta di avvertenza richiederebbe la loro approvazione. Ha inoltre esortato i legislatori ad approvare misure che proteggano i giovani dalle molestie, dagli abusi e dallo sfruttamento online.

Murthy ha inoltre raccomandato di impedire alle piattaforme di raccogliere dati sensibili dei bambini e di limitare l’uso di funzionalità come le notifiche push e la riproduzione automatica che incoraggiano un uso eccessivo.

È l’ultima spinta per verificare il potere dei social media in tutto il mondo. Gli stati hanno citato in giudizio Meta e altre società per caratteristiche che secondo le autorità di regolamentazione creano dipendenza nei bambini, e alcuni hanno approvato una legislazione che cerca di proteggere i giovani da qualsiasi effetto negativo dei social media. E mentre una legge emanata ad aprile per forzare la vendita di TikTok da parte del suo proprietario cinese era focalizzata su preoccupazioni di sicurezza nazionale, metteva anche in guardia sugli effetti dell’app video sui giovani.

Nel frattempo, le normative dell’Unione Europea richiedono che gli utenti dei social media abbiano almeno 16 anni per poter trattare i propri dati personali senza il consenso dei genitori.

Le aziende tecnologiche affermano di aver lavorato per proteggere meglio gli adolescenti. Meta, ad esempio, ha affermato che le piattaforme dovrebbero avere il tempo di collaborare con i supervisori per “creare standard chiari e adeguati all’età per le numerose app utilizzate dagli adolescenti”. Tuttavia, come dimostra l’appello di Murthy, questi sforzi non sono stati sufficienti a dissipare le preoccupazioni di governi e genitori.

Questa settimana l’attenzione è rivolta alle banche centrali e ai dati economici. Cinese i dati pubblicati lunedì hanno mostrato che la produzione industriale e il settore immobiliare hanno rallentato lo scorso mese, nonostante un aumento migliore del previsto della spesa al consumo. Martedì Wall Street osserverà attentamente il rapporto sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti per ciò che dice sulla forza del potere d’acquisto dei consumatori E progressi sull’inflazione. Giovedì sarà il giorno delle decisioni sui tassi d’interesse per la Banca d’Inghilterra e la Banca nazionale svizzera.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra israeliano. Netanyahu ha preso la decisione dopo che due dei suoi cinque membri si sono dimessi la settimana scorsa per protestare contro la sua gestione della guerra a Gaza. La mossa è arrivata mentre i militari avvertivano di un crescente conflitto con Hezbollah, la milizia appoggiata dall’Iran in Libano, e i gruppi umanitari chiedevano a Israele di fare di più per alleviare la crisi umanitaria nel territorio palestinese.

Secondo quanto riferito, OpenAI valuta se diventare una società a scopo di lucro. Sam Altman, CEO di OpenAI, ha detto ad alcuni azionisti che la start-up di intelligenza artificiale potrebbe essere ristrutturata in modo che il suo consiglio di amministrazione no-profit non controlli l’attività, secondo The Information. Una mossa del genere potrebbe rendere più semplice per OpenAI perseguire un’offerta pubblica iniziale.


Nuove rivelazioni sull’amministratore delegato del Washington Post, Will Lewis, minacciano di alimentare uno scontro sempre più pubblico tra lui e la sua redazione. Due rapporti pubblicati durante il fine settimana hanno portato alla luce nuove accuse sulle pratiche giornalistiche che lui e il suo eletto alla guida del giornale, Robert Winnett, impiegarono due decenni fa a Londra.

Gli articoli hanno alimentato ulteriori speculazioni su quanto sostegno goda Lewis da parte di Jeff Bezos, il proprietario del Post, poiché il giornale ha perso decine di milioni e ha perso lettori sotto la sua precedente guida. Ma si sono concentrati anche su eventi che ormai hanno vent’anni. È chiaro che i coltelli sono fuori per Lewis, che sta cercando di rimodellare radicalmente la gestione e la redazione del Post – e solleva domande su cosa potrebbe fare il giornale per sistemarsi se se ne andasse.

Cosa c’è di nuovo: The Times e The Post hanno riferito che in precedenti ruoli presso pubblicazioni britanniche, entrambi gli uomini hanno utilizzato l’hacking e l’inganno telefonico:

  • Lewis ha commissionato nel 2004 un articolo su un amministratore delegato britannico al Sunday Times quando era redattore, basato su documenti hackerati, ha detto l’autore del rapporto al Times. Un portavoce del Post ha detto che Lewis ha rifiutato di rispondere a un elenco di domande del Times.

  • Winnett scrisse un articolo per il Sunday Times nel 2002 sugli acquirenti dell’allora nuova auto di lusso Maybach, che il giornale definì la «limousine preferita dai nazisti». Un investigatore privato ha successivamente ammesso pubblicamente di aver ottenuto informazioni per l’articolo tramite il «blagging» o utilizzando informazioni errate per ottenere informazioni riservate, hanno riferito The Times e The Post. Winnett non ha risposto a una richiesta di commento da parte del Times.

Cosa ne pensa Bezos? Recentemente ha espresso sostegno a Lewis nel mezzo di uno scontro pubblico con l’attuale ex redattore esecutivo del Post, Sally Buzbee, anche se ciò è avvenuto prima che gli ultimi articoli fossero pubblicati, ha riferito il Times. Alcuni osservatori dei media hanno affermato che il tumulto su Lewis è in parte radicato nei disaccordi tra le pratiche giornalistiche americane e britanniche.

Bezos ha sostenuto la strategia di Lewis di dividere la redazione del Post in una incentrata sulla copertura tradizionale e in una incentrata sul giornalismo di servizio e sui social media. Non è chiaro se le ultime rivelazioni siano sufficienti a erodere il suo sostegno a Lewis.

Cosa succede se Lewis viene messo alla porta? Ha affermato che The Post ha perso 77 milioni di dollari dal 2023 e che il suo pubblico si è dimezzato dalle elezioni presidenziali del 2020.

Bezos ha affermato pubblicamente che il Post non può perdere denaro all’infinito – “Questo non è uno sforzo filantropico”, ha detto in una conferenza giornalistica nel 2017 – ed è stato coinvolto nei budget del giornale e ha influito sulle questioni aziendali. Ciò suggerisce che anche se Lewis dovesse andarsene, il proprietario di The Post cercherebbe comunque grandi cambiamenti nel modo in cui viene gestita l’azienda.


Bill Gates. Il co-fondatore di Microsoft ha investito miliardi nell’energia nucleare e si è detto pronto a investire “miliardi in più” per contribuire a soddisfare il crescente bisogno di elettricità del paese.


Lunedì le azioni francesi hanno registrato un leggero rimbalzo, ma gli investitori globali restano in allerta mentre le turbolenze politiche attanagliano il paese a meno di sei settimane dalle Olimpiadi di Parigi.

Lunedì prenderà il via la campagna elettorale per le elezioni parlamentari del Paese. La sorprendente decisione del presidente Emmanuel Macron di indire elezioni anticipate la scorsa settimana ha scosso i mercati europei, con sondaggi che mostrano che l’estrema destra è in testa, riferisce Vivienne Walt per DealBook.

L’onda d’urto non si placa: “Preoccupazione e incertezza si diffondono nel mondo finanziario”, titolava lunedì in prima pagina Les Echos, il principale quotidiano finanziario del paese, dopo le grandi marce di protesta a Parigi questo fine settimana.

Per ricapitolare: Macron ha chiesto elezioni legislative dopo che l’estrema destra ha martellato il suo partito centrista alle elezioni per il Parlamento europeo. Ma la sua decisione ha portato gli investitori ad abbandonare la settima economia mondiale e ha avuto ripercussioni in tutta Europa. L’euro è crollato, miliardi sono stati spazzati via dai mercati azionari francesi ed europei, e il divario tra i rendimenti dei titoli di stato francesi e tedeschi – un indicatore chiave della stabilità dell’Europa – è cresciuto la scorsa settimana al ritmo più veloce dalla crisi del debito sovrano europeo nel 2012.

Tutto ciò avviene mentre la Germania, la più grande economia del continente, sta affrontando la propria crisi politica che potrebbe causare la divisione del suo governo di coalizione.

La Banca Centrale Europea è in una situazione difficile. Un euro debole potrebbe vanificare gli sforzi della banca centrale volti ad allentare ulteriormente i costi di finanziamento, dicono gli analisti. Christine Lagarde, presidente della BCE, ha deviato le domande sulle elezioni francesi della scorsa settimana. Come capo del FMI durante la crisi del debito greco, Lagarde aveva un posto in prima fila quando l’economia europea era sull’orlo del baratro.

Le tensioni stanno aumentando. Molti investitori e leader aziendali non stanno aspettando l’esito del voto del mese prossimo. «Molti dei miei clienti, aziende, mi dicono: ‘Dobbiamo lasciare la Francia'», ha detto a DealBook Marc Touati, capo economista della società di consulenza per gli investimenti ACDEFI di Parigi. “È l’inizio del panico”.

Le promesse della campagna potrebbero essere dannose per gli affari. L’estrema destra vuole abbassare l’età pensionabile a 60 anni, dimezzare le tasse sulle vendite di servizi pubblici e alimentari e aumentare il salario minimo. Una stima dice che potrebbe costare circa 101 miliardi di euro. I partiti di sinistra intendono fermare la spesa per le infrastrutture e ripristinare un’imposta sul patrimonio che Macron ha abolito nel 2017 – una misura che alcuni ritengono abbia contribuito ad attrarre miliardi di investimenti esteri.

L’ansia potrebbe anche portare affari agli investitori. “La paura è un’opportunità”, ha affermato Alberto Gallo, chief investment officer di Andromeda Capital Management. “Quando vediamo investitori extraeuropei preoccupati per l’uscita dall’euro o per situazioni estreme, ci entusiasmiamo molto”, ha detto a DealBook.

Offerte

  • Secondo quanto riferito, l’investitore attivista Starboard Value ha acquisito una partecipazione di 500 milioni di dollari in Autodesk e ha sollevato dubbi su questioni contabili e sulla strategia della società di software. (WSJ)

  • Fisher Investments, la società di gestione finanziaria gestita dal miliardario Ken Fisher, ha venduto una partecipazione ad Advent International e un ramo del fondo sovrano di Abu Dhabi per una valutazione di 12,75 miliardi di dollari. (Bloomberg)

Elezioni, politica e politica

  • Il presidente Biden ha raccolto la cifra record di 28 milioni di dollari durante un evento di Hollywood mentre la sua campagna intensifica gli attacchi a Donald Trump dopo la sua condanna per reato. (NYT)

  • Il piano di Donald Trump di esentare le mance dalle tasse potrebbe aggiungere fino a 250 miliardi di dollari al deficit federale in 10 anni. (Bloomberg)

Meglio del resto

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.